Archivi del mese: marzo 2017

Sintesi VI° incontro “La Legge evolutiva dell’Amore” del 26 Novembre 2016


L’INTIMITA’: BISOGNO DI UNA RELAZIONE DI INTIMITA’ CONDIVISA

stella amore incondizionato

Dopo una breve ripresa sul tema del precedente incontro (il SENSO DI VALORE), Maria Grazia e il gruppo si centrano sul tema del giorno: L’INTIMITA’.

La parola INTIMITA deriva dal greco “soffio”, luogo sacro dell’Anima.

Gli ELEMENTI BASE dell’Intimità sono la SPONTANEITA’ e la PROTEZIONE (mi proteggo finché non raggiungo il livello di sicurezza che mi permette di toccare certi stati). Si tratta di una dimensione molto profonda, non strutturata, che tocca l’Anima; pertanto è bene che ognuno si esponga ascoltando attentamente la sua Anima, senza forzare, per come può esporsi, quindi proteggendo il più possibile questa parte di sé molto delicata e preziosa.

E’ la PARTE PIU’ PROFONDA DELLA NOSTRA ESSENZA, spesso INVISIBILE anche a noi stessi. E’ quel luogo segreto dove creiamo un punto di contatto tra la nostra vita terrena e quella spirituale. E’ il luogo dove possiamo accedere al contatto con Dio. Più facciamo esperienza di questa profondità e più dovremmo sentire una grande inquietudine, perché è quel luogo dove tocchiamo una dimensione più elevata, che dà un senso alle cose concrete, ma che spesso contrasta con la concretezza.

IMG_5388

L’Intimità è prima di tutto una DIMESIONE INDIVIDUALE: è come se fossimo gli “amanti di noi stessi”; solo dopo possiamo trovare l’intimità nella relazione. Più accedo a me (e questo dà inquietudine), più posso toccare l’Anima dell’altro.

NON ESISTE INTIMITA’ SENZA AMORE VERSO SE STESSI E NON ESISTE AMORE VERSO SE STESSI SENZA ENTRARE IN QUESTA DIMENSIONE PROFONDA.

Nell’Intimità ci sono le PARTI PERSONALI PIU’ TORBIDE: la fragilità, la cattiveria, l’invidia, la gelosia…; sono i sentimenti più brutti, ma se vengono riconosciuti e ci si lavora con responsabilità, sono le parti di noi che ci aiutano ad evolvere. Possiamo quindi decidere di utilizzare le parti più oscure di noi per guarire e per incontrare parti di noi e degli altri altrimenti nascoste e incomprensibili.

IMG_5400

L’Intimità è la STANZA SEGRETA DELL’ANIMA, DOVE AVVENGONO I PIU’ GRANDI MISFATTI UMANI O LE PIU’ ELEVATE LEZIONI D’AMORE: abbiamo tutti dentro una spinta tanto elevata, quanto malvagia.

Nel peregrinare dentro questa stanza, poiché l’INTIMITA’ CONDUCE ALL’ANIMA (personale e relazionale) e alla sua EVOLUZIONE AL BENE, ci sono dei passaggi da vivere:

  • CONOSCENZA DI SE STESSI: essere veri e autentici (chi sono? Dove vado? Come mai vivo? Qual è il mio compito specifico? Perché sono venuto al mondo? Sono felice?vivo pienamente o no? Come sto costruendo la mia felicità/infelicità? Sto veramente vivendo la mia vita? Cosa sto aspettando?)
  • DARSI NUTRIMENTI VERSO IL BENE: quando sono fragile, solo, stanco, arrabbiato…come curo il mio, corpo, la mia salute, la mia alimentazione…?
  • L’INTIMITA’ DIVENTA RELAZIONE SE HO SODDISFATTO I DUE PASSAGGI PRECEDENTI.

Quando sono profondamente in me, sono in ASSOLUTA LIBERTA’, NON esiste il POSSESSO DELL’ALTRO (attingo dall’altro, ma non lo possiedo).

Solo così possiamo:

  • vedere l’altro per come realmente è
  • eliminare le illusioni legate alle aspettative che abbiamo nei confronti dell’altro (più siamo noi stessi e ci conosciamo, più arriviamo all’anima dell’altro privi di aspettative).

Il tocco dell’Anima nella relazione, fa fare solo PASSAGGI EVOLUTIVI, NON INVOLUITIVI: se mi fermo o torno indietro, ciò significa che sto soddisfando altri tipi di bisogni e devo chiedermi il perché.

Quando nelle relazioni si ripetono certe caratteristiche, significa che manca il contatto con se stessi e la consapevolezza profonda di sé.

Serve quindi un grande senso di RESPONSABILITA’ per lavorare su questi aspetti.

LE PAROLE DELL’INTIMITA’

IMG_6563

  • SO-STARE – Serve un TEMPO DI ASCOLTO DI SE’: solo rallentando possiamo incontrare l’Anima; se corro non riesco ad essere in contatto con me tesso
  • RICONOSCERE – Ho la RESPONSABILITA’ DI ESSERE ME STESSO
  • PROTEGGERE – E’ il rispetto e la dignità che devo dare alla mia FRAGILITA’
  • PROVARE COM-PASSIONE – Provo COMMOZIONE e TENEREZZA verso questa parte profonda di me.

Solo vivendo questo, posso essere PRONTO ALL’INCONTRO CON L’ALTRO, con cui dobbiamo vivere le stesse TAPPE: sostare, riconoscerlo, proteggerlo e proteggersi nella relazione, provare compassione e tenerezza.

*Al termine dell’incontro Maria Grazia ha proposto al gruppo un’esercitazione attraverso cui ognuno ha costruito la PROPRIA PERSONALE MAPPA PER STARE IN “INTIMITA’ ”.

Roberta Giuriatti

Pubblicato in Community | Lascia un commento

OIC Centro Educativo Nazareth (PD)

INCONTRO:  OIC CENTRO RESIDENZIALE NAZARETH

header_nazareth_padova

Presentare il mio libro all’OIC di Padova è stato e continua ad essere un’esperienza indimenticabile.

La grande emozione che ho provato, è stata una forte sensazione  e presa di coscienza di trovarmi di fronte a dei “Maestri di Vita”, capaci di sorprendermi con la loro vitalità e saggezza.

Il ricordo dei loro messaggi scritti e condivisi sulla capacità di saper Ringraziare la Vita per quanto ha donato loro è ancora vivo in me!!! E dal profondo del mio cuore nasce spontanea una intensa Gratitudine per averli incontrati in questo tempo della mia vita.

Un Grazie sincero “Maestri di Vita” e con l’Augurio che le nostre strade possano incontrarsi ancora.

Dott.ssa  Maria Grazia Smajato

nazareth

Pubblicato in Community | Lascia un commento